Cinema

Senza-titolo-1

Laboratorio di cinema

Ciak… motore… azione…

Premessa

Un film può essere informazione, denuncia o più semplicemente un “vettore di emozioni”: ti fa ridere (commedia), piangere (dramma), stare in ansia (thriller), avere paura (horror) e può presentarsi come lungometraggio o cortometraggio. Un cortometraggio è un film di durata contenuta, normalmente non superiore ai quindici minuti complessivi. I cortometraggi sono spesso utilizzati per rappresentare le varie tipologie cinematografiche con uno stile asciutto e del tutto particolare che può ricordare da vicino la prima era del cinema. Dopo una lunga parentesi di stasi creativa e scarsità di produzioni, i corti sono stati ampiamente rivalutati a partire dagli anni Ottanta, grazie anche all’istituzione di numerosi concorsi e mostre cinematografiche esclusivamente a loro riservati.

Il corso

Il progetto Ciak… motore… azione… partirà nel mese di marzo e avrà una durata di tre mesi, con doppio appuntamento settimanale di due ore. L’iniziativa può essere schematizzata in 4 parti fondamentali:

I fase: Corsi di scrittura creativa – Regia – Fotografia del cinema

II fase: Preparazione corto e riprese

III fase: Montaggio corto

IV fase: Proiezione del corto prodotto e dibattito annesso con gli studenti sul tema oggetto dell’audiovisivo


Nel corso della prima fase, gli studenti saranno impegnati e divisi in diversi percorsi didattici; tutte le lezioni saranno tenute da tutor qualificati. Il primo gruppo, grazie a un corso di scrittura creativa, imparerà i segreti della scrittura di una sceneggiatura. Con gli altri due “corsi” apprenderanno, invece, rispettivamente come va guidata la regia e la fotografia. Ogni partecipante, logicamente, sarà libero di scegliere, in base alle proprie predisposizioni ed esigenze il campo di esperienza in cui ha intenzione di cimentarsi. Si passa quindi alla scelta degli interpreti del corto. Gli attori, per quanto possibile, saranno solo ed esclusivamente studenti del corso che verranno selezionati attraverso dei casting. Coloro che verranno considerati idonei alla sceneggiatura seguiranno un corso intensivo di recitazione per imparare i fondamentali della dizione, della recitazione e del muoversi su un set cinematografico. La seconda fase sarà caratterizzata dalla realizzazione del corto che sarà interamente affidata agli studenti (regia – fotografa – recitazione) sotto la supervisione dei tutor. Finite le registrazioni sul set, si passa alla terza fase, quella della post produzione. Questo è un momento delicatissimo in quanto si “monta” il cortometraggio. Il montaggio, come del resto tutto è affidato agli studenti guidati da un professionista. In questa stessa fase c’è l’esigenza della scelta di una colonna sonora; sarà offerta la possibilità, verificatene le condizioni, di esprimere la propria creatività musicale a chi lo vorrà fare in un prodotto reale. Assemblato il tutto si procede alla quarta e ultima fase del progetto, che prevede l’organizzazione di una giornata di proiezione dell’audiovisivo con annesso dibattito. Ci sarà ovviamente la videoproiezione del nostro corto e la consegna di un attestato di partecipazione e di una copia del lavoro finale a tutti coloro che avranno preso parte attiva alla realizzazione del progetto.